Vittorio Sordi – 50 per provare a fare

Vittorio Sordi avrebbe festeggiato i cinquant’anni di carriera il 22 novembre 2020. Il destino ha deciso altrimenti, ma era già nato il suo ultimo progetto: una mostra antologica che ripercorresse la sua vicenda artistica e umana.
L’artista ha lasciato infatti precise indicazioni per la mostra a iniziare dal titolo, che ne descrive bene il carattere: 50 – anni! –  per provare a fare, una vita avendo sempre il dubbio che si potesse fare di più e di meglio e, soprattutto, con la consapevolezza che la ricerca artistica non si ferma mai.

Il suo ultimo, importante, intervento artistico è stato un evento d’arte partecipata per il MAAM Metropoliz_Museo dell’Altro e dell’Altrove in occasione della giornata per il Mediterraneo antirazzista, dove realizzò dei grandi banner di impronte con scarpe non di rado recuperate dalla spazzatura: il pubblico era invitato a indossarle e imprimere i propri passi colorati su tre grandi banner poi installati nel museo per provare cosa significa, letteralmente, trovarsi nelle scarpe degli altri, nella loro pelle, nelle loro pene.

Realizzata a Maggio del 2019 fu il punto d’arrivo di un percorso di ricerca dedicato alla Siria e ai suoi profughi esposto nella chiesa di St.Paul dentro le mura a via Nazionale, Roma.
Alla produzione artistica strettamente intesa Vittorio Sordi ha abbinato la progettazione di design: da piccoli mobili a interi arredamenti d’interno, ha sempre seguito la logica della semplicità esecutiva, ma spesso connessa con una visione surrealista degli oggetti, non di rado realizzati anche attraverso il recupero dei materiali, inteso anche come operazione etica e di rispetto dell’ambiente.
In mostra saranno presentati alcuni complementi d’arredo, disegni, progetti e modellini architettonici.

In occasione del vernissage sarà presentato il video “In Her Shoes” girato al MAAM il 4 maggio 2019: fotografia e montaggio Vanessa D’Orazi, musica originale Marco Massimiliani, voce Gianluca Esposito: https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=4231421903578759&id=1779143282139979&sfnsn=scwspwa

E’ in fase di studio l’archivio dell’artista in previsione di un catalogo ragionato.

LA MOSTRA: Dove e quando

Accesso contingentato su prenotazione obbligatoria artsharing.roma@gmail.com oppure via WhatsApp al numero 338-94091 – presentazione Green Pass per l’ingresso secondo normativa vigente